RECLAMI E MEZZI DI TUTELA STRAGIUDIZIALE

Il Cliente può presentare reclamo in relazione al contratto di mediazione creditizia sottoscritto.

Il Reclamo dovrà essere effettuato per iscritto, mediante lettera raccomandata A/R o posta ordinaria a

Mecctek srl – Direzione – Ufficio Reclami

Via Dei Piatti, 9

20123 Milano (MI)

o via Pec all’indirizzo:

meccanosrl4@legalmail.it

o via posta elettronica ordinaria all’indirizzo:

info@mecctek.com

e dovrà contenere almeno i seguenti riferimenti:

  1. nominativo/denominazione e recapiti del Cliente
  2. data del contratto di mediazione
  3. riferimenti delle persone incaricate del Mediatore Creditizio con le quali si è entrati in contatto
  4. motivazione del reclamo
  5. richiesta nei confronti del Mediatore Creditizio

Le istruzioni relative alla procedura di gestione del reclamo sono rilevabili anche sul sito www.mecctek.com nella sezione “Reclami”.

Il Mediatore Creditizio si impegna a rispondere entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione.

Prima di ricorrere all’autorità giudiziaria il cliente e il mediatore creditizio dovranno esperire il procedimento di mediazione presso uno degli organismi iscritti nell’apposito registro, se ciò è prescritto in base alla vigente normativa in tema di mediazione obbligatoria. 

Il cliente non può ricorrere all’ABF per controversie sorte direttamente con il mediatore creditizio.

Per eventuali controversie in relazione al contratto di mediazione è esclusivamente competente il Foro di Milano.

Rendiconto gestione reclami

LEGENDA ESPLICATIVA

  • Cliente. Qualsiasi soggetto, persona fisica o giuridica che intenda entrare in relazione con banche o intermediari finanziari per la concessione di un finanziamento per il tramite del Mediatore Creditizio.
  • Finanziamento. Il finanziamento che il Cliente intende ottenere con l’intermediazione del Mediatore Creditizio, tra cui: (i) locazione finanziaria, (ii) acquisto di crediti, (iii) credito al consumo sotto forma di dilazione, (iv) credito ipotecario, (v) prestito su pegno e (vi) rilascio di fideiussioni, avalli, aperture di credito documentarie, accettazioni, girate nonché impegni a concedere credito, (vi) factoring ecc.
  • Servizi accessori. Servizi, anche non strettamente connessi con il servizio principale (quali, ad esempio, contratti di assicurazione, convenzioni con soggetti esterni, ecc.), commercializzati congiuntamente a quest’ultimo, ancorché su base obbligatoria.
  • Tecniche di comunicazione a distanza. Le tecniche di contatto con la Cliente diverse dalla pubblicità, che non comportano la presenza fisica e simultanea del Cliente e del soggetto offerente o di un suo incaricato.
  • Offerta fuori sede.  Offerta, cioè la sola promozione e/o anche il collocamento, di operazioni e servizi bancari e finanziari svolta in luogo diverso dalla sede o dalle dipendenze del mediatore.
  • Supporto durevole. Qualsiasi strumento che consenta di memorizzare informazioni che possano essere agevolmente recuperate e che consenta la riproduzione immutata delle informazioni medesime.
  • Locale aperto al pubblico. Il locale accessibile al pubblico e qualunque locale adito al ricevimento del pubblico per l’attività del Mediatore Creditizio, anche se l’accesso è sottoposto a forme di controllo.
  • Intermediari Finanziari. Società cui è riservato l’esercizio nei confronti del pubblico delle attività finanziarie di cui all’art. 106  del T.U.B. (tra le quali rientrano i finanziamenti in qualsiasi forma) e che, a tal fine, devono essere autorizzate dalla Banca d’Italia ai sensi del successivo art. 107.
  • TEGM. Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze come previsto dalla legge sull’usura.
  • ISC. L’indicatore sintetico di costo è il  tasso di un mutuo che considera, oltre al tasso applicato con il quale si calcola la rata mensile, anche le spese accessorie iniziali e le spese periodiche.
  • Penale. Somma di denaro destinata a risarcire i danni provocati dall’inadempimento degli obblighi previsti nel contratto
  • Provvigione. Compenso dovuto al Mediatore commisurato all’importo del finanziamento.
  • OAM. Organismo degli Agenti in Attività Finanziaria e Mediatori Creditizi, competente in via esclusiva ed autonoma alla gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei Mediatori Creditizi; è dotato dei poteri sanzionatori ed è a sua volta sottoposto alla vigilanza della Banca d’Italia.